Jovanotti, condannato il batterista Gareth Brown [VIDEO]

Lui, come direbbe il popolo, è in altre faccende affaccendato. Jovanotti è volato a New York per (continuare a) preparare il suo nuovo disco. Allo stesso tempo, pare entusiasta (e noi con lui) per la nuova, spumeggiante, avventura della JovaTV (GUARDA QUI IL VIDEO), emittente web da lui stesso lanciata pochi giorni fa e già online con le prima ‘trasmissioni’. A intaccare l’operosità di questo periodo una vicenda non felice riguardante il batterista della sua band per il tour del 2008, ovvero Gareth Brown: l’artista di colore è stato, infatti, condannato per lesioni colpose ai danni di una fan. Durante un concerto (Stadio di Como, ndr.) scagliò le sue bacchette verso il pubblico – al termine di un lungo e scatenato assolo – colpendo la spettatrice. Approfondiamo dopo il filmato…

Il lancio della bacchetta

Riavvolgiamo il nastro. Non è detto che questa sequenza-video possa essere messa agli atti, ma l’evento è quello del 2008 a Como e il concerto quello di Lorenzo Jovanotti. Alla batteria, doppia, lo splendido assolo di Gareth Brown e Mylious Johnson. Bacchette lanciate verso il pubblico, conseguenza? Ha la peggio l’occhio di una spettatrice. Il giudice del tribunale di Como condanna ora Brown a 20mila euro di risarcimento più altri 700 euro di multa. Per lesioni colpose ai danni di una fan.

Come detto in apertura, stiamo parlando di un vecchio concerto, era il 2008: la sentenza del tribunale – scrive la testata La Provincia – riguarderebbe quindi i fatti del 7 luglio allo stadio Sinigaglia. Va detto, tuttavia, che il filmato da noi postato in testa non chiarisce – a occhio nudo – la dinamica dell’accaduto. Come scrive Repubblica, tra i testimoni che erano stati sentiti dal giudice c’era stato lo stesso Jovanotti. Uscendo dall’aula, avvolto da un cordone di fan (tra cui le impiegate del tribunale) e fotografi, Jovanotti aveva scherzato: Non sono l’imputato, è la mia prima volta da testimone non di nozze. Nemmeno a Sanremo ho così tanta attenzione.

Impostazioni privacy