Lorenzo Fragola difende Aurora Ramazzotti a X-Factor 9: “Essere figli d’arte non sempre aiuta”

Chissà se la produzione di X-Factor Italia ha immaginato che scegliere Aurora Ramazzotti come conduttrice della fascia quotidiana del talent avrebbe potuto scatenare così tante polemiche in Rete. Sta di fatto che, dopo l’intervento di papà Eros, pronto a difendere la figlia da chi l’ha accusata di essere una raccomandata, anche Lorenzo Fragola, vincitore dell’ottava edizione del programma, ha voluto dire la sua e spezzare una lancia a favore di quella che ha definito un’amica in un lungo post dedicato alla spinosa questione.

Sì, perché gli utenti on line, da quelli più anonimi ai personaggi più rinomati come Selvaggia Lucarelli, hanno continuato a “tuonare” contro la ragazza, o per meglio dire contro la scelta della produzione: “Il problema non è Aurora – ha spiegato la Lucarelli sulla sua pagina Facebook – la sua presenza mi stupisce in un programma come X Factor, che ha sempre conservato quell’aria un po’ snob della serie ‘se ti sei sporcato le mani qui non lavori’, mi stupisce perché Aurora Ramazzotti non può entrare, anche se lateralmente, in un programma in cui ci sono Mika e Skin.

Inoltre, ha proseguito Selvaggia, “fosse solo una gran bellezza capirei, ma è una ragazza normale, fosse una gran simpatia capirei, ma pure sul web è il nulla. Ecco intervenire allora Lorenzo Fragola, in un post altrettanto lungo comparso oggi, 13 agosto, sul suo profilo Facebook. Per lui non sarebbe giusto giudicare in modo prevenuto.

“Essere ‘figlio di…’ spesso in Italia porta a raggiungere dei traguardi con maggiore facilità rispetto ad altri – ha ammesso Lorenzo – l’ho sempre pensato e continuo tutt’ora a pensarlo. Quello che si scorda però è che ‘essere figli di…’ in Italia vuol dire anche sentirsi di non essere mai all’altezza dei propri sogni, che tutto ciò che di buono si fa nella vita, per la gente, non sarà mai merito tuo bensì di colui/coloro che ti hanno creato”.

Non si possono scegliere i propri genitori, ha ricordato Fragola, ma si può scegliere che strada intraprendere nella vita e prima di giudicare l’operato di Aurora, secondo il giovane cantante, sarebbe meglio vederla all’opera: “Se non dovesse essere all’altezza io sarò il primo ad esprimere (con i giusti modi e toni) il mio disappunto. Tra le riflessioni della Lucarelli, però, troviamo quasi una risposta a questa ultima considerazione di Fragola: “Quelli che ‘beh dai, aspettiamo a giudicare, vediamo come va’, mi devono far capire una cosa: si va a tentativi con il programma di punta di una rete? Uno che vuole correre lo si fa esordire alle Olimpiadi?.

Foto: Twitter

Impostazioni privacy