Amici 12, per Ylenia niente album: i fan si ribellano sul web

Un personaggio in cerca d’autori. Sembra sia questa la situazione di Ylenia Morganti. Dopo essere uscita dalla scuola di Amici, è lì ferma al palo, nell’attesa (fremente) che qualcuno s’interessi a lei, prendendo a cuore la sua causa. Si è già defilata Mara Maionchi: a lei è stato chiesto di produrre il cd della cantante, ma la produttrice discografica ha seccamente rifiutato, precisando il tutto sulla sua pagina Facebook. E i fan non ci stanno. E preparano una sorpresa per la finale…

GUARDA LE FOTO DI YLENIA

Finale a sorpresa?

Così “minacciano” sul web i fan di Ylenia: “guardate la finale, qualcosa accadrà…”. Sostenitori virtuali. Ma veri, appassionati, vivi. Ylenia ha annunciato di non aver in cantiere nessun progetto discografico: dando un’occhiata agli album usciti, da Greta a Verdiana, a Moreno, chiaro il disappunto dei suoi seguaci. L’amore per un artista è istintivo, empatico, l’immediato ritorno “a casa” della giovane ha fatto sperare il suo giovane popolo in qualcosa di diverso, qualche produzione, una serie di canzoni messe su disco. Niente di tutto questo. Così tutti hanno manifestato a voce la loro volontà di sentire nuovamente la loro beniamina: l’etichetta della Maionchi (“Non ho l’età”) ha risposto picche, motivando il tutto con un semplice “purtroppo Ylenia non scrive canzoni e momentaneamente non abbiamo sottomano autori liberi ed in grado di collaborare“…

Insomma, il problema sarebbe la scaristà di autori nel nostro paese: avevamo già sostenuto in passato questa tesi e, con noi, gente come Bungaro, Ron, Noemi, lo stesso Roberto Casalino. In Italia molti cantano, pochi scrivono e compongono: moltissimi sono nascosti e hanno difficoltà a “uscire fuori”. I fan della Morganti non ci stanno, lei tempo fa aveva annunciato di essere al lavoro su alcuni suoi pezzi inediti, tutti i suoi follower si stanno organizzando sul web perché qualcosa possa cambiare in fretta. La domanda è: è solo un problema di autori? Mumble mumble…

Impostazioni privacy