Morto Steve Strange, icona degli anni ’80. Lutto nel mondo della musica [VIDEO]

Si è spento all’età di 55 anni Steve Strange, cantante e frontman dei Visage, gruppo di spicco nella scena musicale britannica nei primi anni Ottanta e considerato il capostipite del genere “New Romantic”. Se a qualcuno (pochi) questo nome non dovesse risvegliare ricordi particolari, basta ascoltare uno dei maggiori successi della band, Fade to grey (che vi riportiamo di seguito) per capire immediatamente di chi stiamo parlando. Questo brano synthpop ha infatti scalato i vertici delle classifiche internazionali, tra cui quelle italiane, ma nonostante il successo ottenuto la band, formatasi nel 1979, si era sciolta nel 1985.

Steve Strange, al secolo Steven John Harrington, è stato colto da infarto durante il sonno mentre soggiornava a Sharm el-Sheik, in Egitto, per una vacanza. Molti i colleghi che già compiangono la sua scomparsa, a cominciare da Simon Le Bon: “Sono molto triste nel comunicare che il nostro amico Steve Strange è morto in Egitto oggi. Dio lo benedica, queste le parole della star su Twitter. Gli fa eco Boy George, sempre attraverso il canale social: “Sono affranto dalla morte del mio amico Steve. Una grande parte della mia vita“.

Anche gli Spandau Ballet, poco dopo la loro esibizione sul palco dell’Ariston ieri sera, 12 febbraio, come ospiti del Festiva di Sanremo, si sono dichiarati distrutti dalla notizia: “Siamo in lacrime stasera – ha scritto il chitarrista Gary Kempdedichiamo la nostra performance a Steve. Senza di lui non saremmo mai arrivati fin qui”.

Il cantante, come (purtroppo) molti altri artisti della sua epoca (e non solo…) ha avuto problemi legati alla droga, le sue condizioni di salute e finanziarie sono andate peggiorando negli anni, tanto che ricevette anche una condanna per essere stato sorpreso a rubare giocattoli e cosmetici in un negozio. Già nel dicembre scorso Strange era stato ricoverato per una grave crisi respiratoria, queste le parole del manager dell’etichetta discografica dell’artista: “La famiglia di Steve, i suoi compagni di gruppo e i suoi amici sono distrutti e richiedono riservatezza in un momento così difficile.

Foto: Twitter

Impostazioni privacy