The Neighbourhood: a Milano l’unico concerto in Italia della band californiana

I The Neighbourhood, band alternative rock californiana, arriva per la prima volta in Italia dopo l’uscita del loro album Wiped Out!, pubblicato lo scorso 30 ottobre per la Sony. Il gruppo salirà sul palco dell’Alcatraz di Milano il 9 marzo 2016, ma i biglietti saranno disponibili già dalle ore 10 di venerdì 20 novembre sul sito ticketone.it ed in tutti i punti vendita Ticketone, per poi essere messi in vendita dalle ore 10 di venerdì 27 novembre in tutte le rivendite autorizzate. Il costo è di 20 euro più diritti di prevendita.

A soli 4 anni dalla sua nascita, avvenuta nel 2011, la band ha già attirato l’attenzione del pubblico internazionale, prima con i singoli Female Robbery e Sweater Weather (usciti nel 2012), poi con la pubblicazione del loro primo album, I Love You, in cui è racchiusa proprio Sweater Weather, canzone che ha conquistato il pubblico americano, ottenendo la certificazione disco di platino per due volte e saltando al primo posto della Billboard Alternative Chart. Il video ufficiale di questo singolo, pubblicato nel 2013 e girato in bianco e nero, ha ottenuto più di 94 milioni di visualizzazioni e, al giorno d’oggi, sappiamo bene quanto questo dato possa indicare la crescente popolarità della band (troverete il video in questione in fondo all’articolo).

Inoltre il gruppo, formato da Jesse Rutherford a voce e tastiere, Zachary Abels alla chitarra, Michael “Mikey” Margott per basso e cori, Jeremy Freedman a chitarra e cori e il batterista Brandon Fried, ha pubblicato nel 2014 il mixtape #000000 & #FFFFFF, che ha offerto agli artisti la possibilità di cimentarsi con “esperimenti” dalle sonorità che fondono l’hip-hop con il rock. Nonostante tanti successi registrati uno dietro l’altro all’estero, la band ha acquistato popolarità in Italia solo recentemente e il grande pubblico nostrano deve ancora scoprire del tutto le potenzialità del gruppo. L’appuntamento all’Alcatraz, in questo senso, permetterà ai musicisti di presentare al vivo il proprio lavoro, che li ha già fatti entrare nella lista di artisti da non perdere d’occhio.

Foto: Twitter

Impostazioni privacy