Ed Sheeran, concerto da incubo: cosa è successo a Las Vegas

Il tour di Ed Sheeran negli Stati Uniti affronta un capitolo davvero molto sfortunato con tanti problemi

Da una parte problemi di natura tecnica. Dall’altra un caldo terribile, quasi 40 gradi con una umidità altissima che ha finito per mettere KO migliaia di persone, costrette alle cure dei medici.

É lo scenario dell’attesissimo spettacolo di Ed Sheeran a Las Vegas. Che alla fine non si è nemmeno tenuto, rinviato a fine tour a causa di problemi tecnici.

Ed Sheeran, niente Las Vegas

Si tratta del secondo problema nel corso del trionfale tour americano di Ed Sheeran dopo quello avvenuto il mese scorso a Pittsburgh, dove diversi fan erano finiti al punto di soccorso dell’impianto, stremati dal grandissimo caldo.
Anche a Las Vegas diversi fan hanno avuto bisogno di cure mediche per problemi legati alla temperatura eccessiva.

Il tutto mentre migliaia di persone si accalcavano verso l’Allegiant Stadium per l’inizio dello show.

Inizialmente non era del tutto chiaro cosa fosse successo alla macchina organizzativa dello show, fino a questo momento assolutamente perfetta, per impedire la regolar messa in scena dello spettacolo. Nel backstage si era parlato di un problema logistico che aveva impedito a parte del carico di raggiungere in tempo l’arena. Ma non c’erano state conferme in tal senso.

Caldo, code e problemi…

Il tutto mentre all’interno dello stadio il caldo faceva diverse vittime, disidratate e affaticate dalla lunga attesa. Ma anche all’esterno si formavano lunghe code per l’accesso. E in tutto questo Ed Sheeran ha affidato ai social network l’annuncio del rinvio…

Ed Sheeran
Ed Sheeran sul palco del suo tour americano – Credits Ed Sheeran Official (VelvetMusic.it)

Queste le parole con le quali spiega il rinvio dell’ultimo minuto.

“Non posso credere di scrivere questo, ma ci sono stati alcuni problemi nell’allestimento del nostro spettacolo a Las Vegas. Purtroppo mi è impossibile andare avanti con lo show. Mi dispiace tanto. So che tutti hanno viaggiato per questo e vorrei potere andare in scena, ma è davvero impossibile. Il concerto sarà posticipato a sabato 28 ottobre e tutti i biglietti acquistati saranno validi per quella data. Sono veramente dispiaciuto”.

Qualche ora dopo l’annuncio, mentre la gente era già tornata a casa, alcuni periti della proprietà dell’impianto – che appartiene a un consorzio che fa capo alla città  – hanno effettuato una verifica tecnica sulla pavimentazione dell’Allegiant Stadium. A quanto pare il problema erano alcune piastrelle di gomma che si erano staccate, provocando lo scivolamento di due alte torri che sostengono le luci e il gigantesco impianto di amplificazione dello show di Ed Sheeran.

Un impianto monumentale con schermi a 360° e diffusione surround in ogni angolo dell’arena. Una struttura gigantesca che impiega una quarantina di autoarticolati solo per il trasporto di tralicci, luci, casse e pedane.

“Non metto i miei fan a rischio”

Un rischio: tenendo conto che secondo quanto sostiene una fonte ufficiosa le due torri si erano spostate diversi centimetri rispetto al loro allestimento originario diventando così un motivo di profonda preoccupazione.

Solo a questo punto Ed Sheeran ha confermato che le motivazioni erano fondamentalmente di sicurezza: “Abbiamo davvero cercato di fare del nostro meglio per realizzare lo spettacolo, ma non posso mettere a rischio la sicurezza dei miei fan”.

A giudicare dai messaggi e dai commenti i fan del cantante inglese hanno apprezzato.
Il concerto di Ed Sheeran era completamente esaurito in ogni ordine di posti da diverso tempo: oltre 65mila biglietti.

É la prima volta che lo stadio di Las Vegas, impianto modernissimo inaugurato appena tre anni fa, registra un problema tanto serio.

Il tour di Ed Sheeran prosegue regolarmente come da programma all’insegna del tutto esaurito e di successi ancora una volta clamorosi per il cantante inglese che si appresta a pubblicare il suo nuovo album, Autumn Variations, ma non certo poche settimane fa e atteso con grandissima aspettativa da parte del pubblico.

Impostazioni privacy