Cat Power in concerto a Roma, il pubblico urla “Vergogna!” [VIDEO]

Toglietele tutto, ma non il suo sound. Quando un cantante incontra qualche problema tecnico inizia ad innervosirsi, a perdere entusiasmo, soprattutto dopo un pomeriggio piovoso. Le disgrazie non vengono mai da sole. Cat Power ha sbottato: dopo un’ora di concerto alla Cavea del Parco della Musica, si è fermata. Scesa dal palco ha detto: “Questo suono mi spezza il cuore, non posso cantare“. Neppure il pubblico sembrava essere felice, Repubblica riporta alcune frasi di uno spettatore: Vergogna! Rivoglio indietro i soldi! (…)

Ci mancava la pioggia…

L’Auditorium Parco della Musica di Roma ha ospitato la performance di una delle voci femminili più amate degli ultimi anni. Cat Power, vero nome Charlyne Marshall, ha iniziato la sua carriera nei primi anni ’90: oggi, con nove album alle spalle, si presenta carica e brillante al pubblico romano, ma qualcosa va storto già nel pomeriggio, con la pioggia a complicare le prove. Questo progetto live arriva dopo la pubblicazione del suo ultimo album, “Sun“. Ironia della sorte, poco sole a Roma: il concerto parte, ma la qualità dell’audio spinge Cat a rientrare in camerino… Per un quarto d’ora la rocker resta “al riparo”, dietro le quinte…

Stizzita (per usare un eufemismo) la cantante di Atlanta ha deciso dopo un po’ di tornare sulla scena. Si è mossa verso il pubblico (donando fiori e t-shirts), sfogandosi anche con l’attrice e cantante Violante Placido, alla quale avrebbe sussurrato: “Il suono non usciva potente come dovrebbe“. Mezzanotte scoccata da poco, quando viene convinta a tornare in scena, per riprendere a cantare. Non un capriccio da star, piuttosto la condizione dell’impotenza di fronte al (non) progresso della tecnica: un’altra mezz’ora di concerto, qualche sorriso regalato agli spettatori e la calma torna a regnare. Il pubblico di Roma è apparso diviso, soddisfatto solo a metà: lo stesso Nanni Moretti ha mostrato fastidio e disapprovazione per la qualità dell’audio.

(foto by kikapress.com)

Impostazioni privacy