Subsonica, “I Cerchi Degli Alberi” è un tuffo nel passato [AUDIO]

Pulsazioni senza tempo e spirali di sintetizzatori caratterizzano I Cerchi Degli Alberi, nuovo brano dei Subsonica che sarà in rotazione radiofonica a partire da domani, venerdì 9 gennaio. Si tratta del terzo singolo estratto dall’album Una nave in una foresta (il settimo disco in studio per Samuel, Boosta, Max, Ninja e Vicio), uscito lo scorso settembre, dopo i brani Lazzaro e Di domenica. Con questa canzone c’è un ritorno al passato, infatti fin dalle prime note è chiara l’anima profondamente elettronica. E’ una storia che si sviluppa in una cornice pericolosa: “Il 9 novembre 2013 – ha dichiarato la band attraverso un comunicato stampa pubblicato sul sito ufficiale – in un quotidiano il titolo ‘Piovono satelliti’ introduceva la notizia dell’impatto previsto, contro l’atmosfera, del satellite Goce, e di tutti i rischi ad esso correlati. I Satelliti che fino a ieri simboleggiavano un lato positivo, esplorativo, delle conquiste tecnologiche, oggi si trasformano in minaccia globale senza confini e senza possibilità di protezione.

Così come le centrali nucleari, il surriscaldamento del Pianeta, l’inquinamento ed anche i veleni presenti in tutto quello che beviamo o mangiamo. “Questo è lo scenario – hanno concluso – di fronte al quale prendono forma i nostri progetti, prendono la rincorsa slanci e storie d’amore. I Subsonica hanno sempre amato sperimentare, ma con questa canzone vanno sul sicuro. Il sound è inconfondibile. Non a caso la maggior parte dei fan è felice che sia stato scelto come nuovo singolo: “La mia preferita”, “E’ stata la primissima che ho ascoltato, è stata quella che mi ha provocato più emozioni. La amo, vi amo…”, “Pura poesia”, “E’ Il pezzo top insieme al poco considerato Licantropia…”, “E questo brano mi emoziona profondamente”.

Dopo aver riempito i più importanti palazzetti con uno show che mischia luci, suoni, parole, tecnologia e storie, i ragazzi sono pronti per il tour in giro per l’Europa. Le prime date confermate sono cinque: l’11 aprile 2015 al Centro Esposizioni di Lugano, il 15 al Trabendo di Parigi, il 17 al Vk di Bruxelles, il 19 allo 02 Sheperd’s Bush Empire di Londra ed il 20 al Melkweg di Amsterdam.

Foto by Facebook

Impostazioni privacy