Ed Sheeran mostra i suoi ricordi di infanzia nel video “Photograph”

Diciamolo pure: Ed Sheeran ha “partorito” uno dei video musicali più commoventi degli ultimi anni, rispolverando dai suoi cassetti più privati frammenti di riprese che lo hanno immortalato dai suoi primi mesi di vita fino al presente, ai suoi giorni fatti di successo mondiale e concerti di fronte a un oceano di persone. Non a caso l’hashtag #PhotographMusicVideo è entrato nella classifica dei trending topics internazionali.

Parliamo, infatti, del videoclip che accompagna il singolo Photograph, tratto dal suo celebre album X. Un brano che già “di suo”, tocca le corde giuste del pubblico più romantico, ma che con questo video promette anche di far versare qualche lacrimuccia. Vediamo, infatti, il piccolissimo Ed, classe 1991, muovere i suoi primi passi non solo nel mondo della musica, ma anche nella sua vita da bambino e adolescente, prima ancora che artista.

Non solo: violoncello, chitarra, pianoforte, tamburo, questi sono solo alcuni degli strumenti che Ed ha imparato a suonare sin da giovanissimo, quelli con cui lo vediamo giocare già in età prescolare, lasciando che il pubblico capisca qualcosa di più del suo percorso, della fatica e dello studio che hanno preceduto le nomination ai Brit Awards 2015 (quattro, per la precisione), le sue 549.000 copie di album venduti in tutto il mondo e i concerti sold out.

ED SHEERAN: RAY LIOTTA PROTAGONISTA DEL NUOVO VIDEO, BLOODSTREAM (GUARDA)

Niente, nella sua brillante carriera, è stato lasciato al caso, viene da pensare vedendolo suonare, nel video in questione, per le strade o nei primi concerti nelle scuole o a casa, per l’esclusivo piacere dei suoi genitori. Non si è trattato di semplice fortuna, ma di un talento che il ragazzo ha coltivato con passione per anni, conquistando così, spesso, il primo posto nelle classifiche. Un successo più che meritato, insomma.

Amare può far male – canta Ed nella canzone – amare può ferirti a volte, ma è l’unica cosa che so. Quando diventa difficile, sai che può risultare doloroso a volte, è l’unica cosa che ci fa sentire vivi. Per poi proseguire, qualche strofa più tardi: “Teniamo questo amore in una fotografia (…) e se mi hai fatto male va bene, baby, ci saranno cose peggiori. All’interno di queste pagine tienimi semplicemente e non ti lascerò mai andare.

Foto: Youtube

Impostazioni privacy