Cher annuncia il suo primo album di Natale: a 77 anni

Nel corso di una lunga intervista in cui parla del suo segreto per sentirsi sempre giovane, Cher annuncia un nuovo progetto discografico

Paradossale il fatto che il suo più grande successo in Italia sia ancora If I Could Turn Back Time, brano che risale ormai a quasi 35 anni fa nel quale, appena compiuti quarant’anni, Cher affermava di avere un grande desiderio di tornare giovane e rifare alcune scelte.

Oggi che di anni ne ha 77, e sfoggia un fidanzato di 36, Cher continua ad affrontare la sua vita artistica con lo spirito avventuroso di una ragazzina agli esordi discografici.

Cher, un nuovo album in arrivo

A distanza di 10 anni ormai dal suo ultimo album di inediti, cinque anni dopo lo splendido album Dancing Queen interamente dedicato alle cover degli ABBA, Cher ha annunciato una nuova operazione discografica che potrebbe rivelarsi il vero clamoroso successo di questi ultimi mesi del 2023. Si tratta di una compilation di brani natalizi.

Nonostante da sempre Cher sia considerata una delle interpreti ‘per famiglie’ per eccellenza, perché piace ai mariti, è invidiata dalle madri ma è anche rispettata dai figli, non ci sono brani nel suo repertorio che riportano alla festa più tradizionale e familiare per eccellenza. L’album dal titolo Cher Christmas è stato annunciato venerdì nel corso di una lunga intervista della cantante a Good Morning Britain, talk show della BBC, uno dei programmi più popolari del mondo.

Cher, In versione biondo platino
Cher, In versione biondo platino – Credits ANSA (VelvetMusic.it)

Cher si chiama in realtà Cherilin Sarkisian LaPierre, è californiana di origine armena ma nelle sue vene ci sono elementi francesi, inglesi e rilandese: persino un po’ di sangue italiano.

Quando arrivò in Italia

Italiano era il suo primo marito, Sonny Bono, l’uomo con cui ha condiviso la prima immensa popolarità legata a successi come I Got U Babe e Bang Bang, scomparso nel 1998. I suoi concerti in Italia sono stati tuttavia relativamente pochi e di successo immenso.

Quando la cantante tornò a esplodere in classifica con i ritmi dance di Believe, tormentone pubblicitario ma anche oggi brano enormemente trasmesso sulle radio e programmato in quasi tutti i locali come riempipista, il suo spettacolo a Milano fu considerato uno degli eventi più importanti di sempre. Nonostante il Forum non fosse esaurito: ‘solo’ 8mila persone. Era il 4 novembre 1999.

Quello di Cher fu davvero un evento. Fu definito il concerto sfilata perché la cantante in tempi perfetti e senza una sbavatura inanellò la bellezza di otto cambi d’abito in meno di un’ora e mezza.

Da allora non si è vista spesso qui da noi anche se la sua presenza nelle grandi rassegne italiane ha catalizzato l’attenzione per almeno cinquant’anni tra Cantagiro e Festivalbar: persino il Festival di Sanremo cui partecipò in gara con Sonny Bono nel 1967 (Il cammino di ogni speranza) e acclamatissima ospite proprio con Believe nel 1999.

Cher, carriera incredibile

Un Premio Oscar come attrice per Stregata dalla Luna, vincitrice di numerosi Grammy ed Emmy, tre Golden Globe e una Palma d’oro, Cher è uno dei pochi talenti globali ancora in circolazione.

Ha venduto meno dischi di Madonna, ma dal punto di vista cinematografico ha ottenuto tutto quello che un’attrice potrebbe desiderare. In questo la si può considerare persino superiore considerando che è l’unica cantante che può vantarsi di avere registrato almeno una canzone al numero uno della Top 10 americana in sei decenni differenti, dagli anni ’60 a oggi.

Cher a Sanremo nel 1999

Cher, che non ha mai fatto mistero dei suoi ricorsi alla chirurgia estetica per piacersi e piacere di più, annuncia la sua operazione natalizia in modo estremamente autoironico, un’altra delle sue caratteristiche che piace tantissimo al suo pubblico: “In fondo dentro sono sempre rimasta un po’ bambina, forse è per questo che mi piace giocare coi vestiti, coi travestimenti e perché non rinuncio in modo più assoluto a tutto quello che mi fa stare bene. Quando mi fascio in un paio di jeans o mi metto in mostra con miei capelli lunghi e neri, sto meglio. È un dato di fatto. Non vedo perché dovrei rinunciarci proprio ora anche se a breve, prima di quanto avrei mai sperato, compirò ottant’anni”.

Cher vive il paradosso di avere un’età in un mondo dello spettacolo dove la sua età non è mai stata un fattore percepito dal pubblico: “Sicuramente non mi sento vecchia, questo termine non mi piace, non mi è mai piaciuto. Preferisco dire che non sento assolutamente l’età che ho in realtà. Sono sempre stato al passo con le tendenze ed esprimo quello che sento: non cerco di fare la giovane né tantomeno di sentirmi giovane, faccio le cose che ho sempre fatto, quelle che mi fanno stare bene”.

Il primo anno senza Tina

Il 2023 non è stato un anno semplice per Cher. Lei sta bene, ma ha perso quella che per anni è stata la sua amica del cuore, Tina Turner. É stata una delle ultime persone a visitarla e vederla viva.

Cher, un Oscar e milioni di dischi venduti in tutto il mondo
Cher, un Oscar e milioni di dischi venduti in tutto il mondo – Credits ANSA (VelvetMusic.it)

Oggi Cher si appresta a festeggiare i 60 anni di carriera, la scadenza è il prossimo anno. Lo farà probabilmente entrando in classifica e puntando, per l’ennesima volta, alla numero #1 con un progetto assolutamente atipico come un album natalizio: “Ne sono davvero molto orgogliosa, se ripenso a tutte le cose che ho fatto, e ne ho fatte veramente tante, questa mancava. Da un punto di vista artistico e imprenditoriale non mi sono mai negata niente. Eppure ogni settimana scopro che c’è qualcosa che avrei voluto fare e che non ho ancora fatto. Quando ho dovuto radunare le idee per il mio libro autobiografico le cose da scrivere erano davvero troppe ed è stato tutto estremamente faticoso”.

Matrimoni e compagni

Due matrimoni con altrettanti colleghi. Dopo Sonny Bono c’è stato Gregg Allman della Allmann Brothers Band anche lui scomparso nel 2017.

Ognuno dei due matrimoni quali gli ha dato un figlio. Numerosi i compagni estremamente importanti, tra i quali anche Gene Simmons dei Kiss, oggi Cher è felicemente legata a un uomo di gran lunga più giovane di lei, il produttore musicale Alexander Edwards, 35 anni.

“I geni della mia famiglia sono sorprendenti – dice la cantante – un miscuglio di razze e culture davvero incredibile. Ma il dato di fatto è che quasi tutti i miei parenti hanno vissuto davvero tanto, mia madre fino a 96 anni. E dunque ho ancora parecchio tempo da investire in cose che voglio fare. Ho lavorato tutta la mia vita per mantenere in forma il mio fisico. Posso garantire che ci sono ragazze di 20 anni che non possono fare quello che faccio io.”
Nel frattempo Cher, la signora di 77 anni che da ragazzina impazziva per il gelato, ha deciso di concretizzare un altro dei suoi sogni: “Produrre gelati e dolci di pasticceria: perché nonostante tutto sono estremamente golosa”.

Per una che in passato ha prodotto borse, profumi, scarpe, cinture e bigiotteria, programmi di allenamento firmati e certificati, persino una linea di arredamento d’interni e di abiti da sposa, si tratta dell’ennesimo successo imprenditoriale in una carriera straordinaria destinata a proseguire.

Impostazioni privacy